SEGNALI

Sangue, di Jacopo Nacci (Epub- Pdf) – da Yattaran.com

——————————————————————–

Giulio Regemi – da Giap

——————————————————————–

Carlotta Susca: DFW nella casa stregata – di Girolamo De Michele

——————————————————————–

La storia di un ex-residente: un probabile inedito di DFW – Archivio DFW Italia

——————————————————————–

Ricordando DFW – Minima&Moralia

——————————————————————–

Troppa informazione, un saggio su David Foster Wallace – da Nazione Indiana

——————————————————————–

DFW – I suoi primi cinquant’anni – da Il Post

——————————————————————–

A proposito di Mo Yan – di Antonio Moresco

——————————————————————–

Infinite Jest (ovvero sulla dipendenza) – di Il grande marziano

——————————————————————–

Infinite Jest – di Marinda

——————————————————————–

Genova 2001 e la sentenza 10×100 / Orizzonti di gloria – di Wu Ming

——————————————————————–

Devastazione e saccheggio – di Girolamo De Michele

——————————————————————–

Lo zelo e la guerra aperta – Cooperativa di narrazione popolare (CNP)

——————————————————————–

Un viaggio d’affari – Scrittura Industriale Collettiva

———————————————————————

La letteratura non è un pranzo di gala – Intervista a Antonio Moresco

———————————————————————

sul (non) tradurre (più) Stephen King (o chi per lui) – di Wu Ming 1

———————————————————————

Primo: Essere spietati con se stessi. Niccolò Ammaniti

———————————————————————

Luciano Bianciardi é morto senza sparare di MARCO LUPO

———————————————————————

CON GLI OCCHI SUI LIBRI, ALZANDO IL SEDERE DALLA SEDIA di Simone Ghelli

———————————————————————

Lettera a Baricco di Antonio Moresco

———————————————————————

“Cadere nel vuoto come cadevo io, nessuno di voi sa cosa vuol dire. Per voi cadere è sbattersi giù magari dal ventesimo piano d’un grattacielo, o da un aeroplano che si guasta in volo: precipitare a testa sotto, annaspare un pò nell’aria, ed ecco che la terra è subito lì, e ci si piglia una gran botta. Io vi parlo invece di quando non c’era sotto nessuna terra né nient’altro di solido, neppure un corpo celeste in lontananza capace d’attirarti nella sua orbita. Si cadeva così, indefinitamente, per un tempo indefinito. Andavo giù nel vuoto fino all’estremo limite in fondo al quale è pensabile che si possa andar giù, e una volta lì vedevo che quell’estremo limite doveva essere molto ma molto più sotto, lontanissimo, e continuavo a cadere per raggiungerlo. Non essendoci punti di riferimento, non avevo idea se la mia caduta fosse precipitosa o lenta.” (ITALO CALVINO, LA FORMA DELLO SPAZIO – Tutte le cosmicomiche)