L’amore e la paura – [DFW]

Ad esempio venne fuori che una delle premesse operative basilari era l’assunto che in realtà c’erano due soli orientamenti che una persona potesse avere verso il mondo, (1) l’amore e (2) la paura, e che questi non potevano coesistere (o, in termini logici, che i loro ambiti erano completi e si escludevano a vicenda, o che i loro due insiemi non avevano intersezioni ma la loro unione comprendeva ogni possibile elemento…cioè in altre parole ogni giorno della tua esistenza lo passi al servizio dell’uno o dell’altro padrone, e «Non si possono servire due padroni» – di nuovo la bibbia – e una delle peggiori cose della concezione di una mascolinità competitiva, interessata ai risultati, che a quanto pare l’America programmava nei suoi maschi era che provocava una condizione più o meno continua di paura che rendeva pressoché impossibile amare sinceramente. Cioè, quello che passava per amore nel maschio americano era di solito solo il bisogno di essere preso in un certo modo, nel senso che i maschi moderni avevano così costantemente paura di «non essere all’altezza» (un’espressione del dott. G., senza nessuna allusione intenzionale) che dovevano passare tutto il tempo a convincere gli altri della loro «validità» maschile (anche questo guardacaso un termine della logica formale) per attenuare la propria insicurezza, rendendo quasi impossibile amare sinceramente.

(Caro vecchio neon, Oblio. Pag 196 – David Foster Wallace. Einaudi stile libero)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...