Poi arrivi tu. (prememoria)

Ultimamente sono più sbracato del solito, più del previsto. Mi addormento su una riflessione, mi basta poco. Una battuta d’arresto del vento è sufficiente a cambiare il mio scenario interiore. Ho camminato a lungo e sono molto stanco. Potrei abbandonarvi, oppure, non so con quale forza, radere al suolo l’intera città. È la resa, il suo principio, ma è ugualmente resa. Dimora la grandezza in un  temporale, nei suoi odori e nei suoi suoni decisi; un ottimo mezzo per viaggiare.

Non so più dove andare a fare l’uovo.

Poi arrivi tu…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...