La prima verità. La (mia) colonna sonora

di La bocca insonne

E si sa, le ombre nere possono piombare addosso a chiunque. (pag. 325 – La prima verità, Simona Vinci)

La prima verità è un libro vibrante, organico e concreto, un gradito ritorno dell’autrice dopo troppi anni di silenzio. Il romanzo si apre con tre prologhi ed è suddiviso in quattro parti più una sezione finale che racconta i luoghi della storia. Luoghi doloranti, fragili e, per certi versi, meravigliosi. Terre della memoria. Un urlo silenzioso, in dissolvenza, che appartiene a tutti. Il romanzo è riuscito, soprattutto nella quarta parte, di cui mi sono innamorato e commosso.

In quarta di copertina:

Tra gli abbandonati, i reclusi, i dimenticati Simona Vinci tesse il filo d’oro di una storia che arriva dal passato e viene fino a te, proprio a te che stai leggendo, qui e ora. È una storia scandalosa, perché non si può narrare senza rivelare anche i fantasmi di chi la sta scrivendo.

Quella che segue è una playlist di canzoni evocate (in modo, come sempre molto istintivo) dalla lettura di questo romanzo:

Paolo Benvegnù – Avanzate, ascoltate

Anthrax – Madhouse

The twilight singers – I’m ready

C.S.I. – Intimismo

Casino Royale – Io rifletto

King Crimson – Islands

Mogwai – Take me somewhere nice

Buona lettura e buon ascolto.