HOTEL A ZERO STELLE di Tommaso Pincio

Inferni e paradisi di uno scrittore senza fissa dimora.

Un viaggio tra vita e letteratura all’interno di un insolito albergo.

————————————————————————————–

In un hotel del genere gli ospiti dovrebbero essere vagabondi dell’anima,

coloro che ancora gironzolano alla ricerca di sé, senza troppa arte né parte.

Per quanto mi riguarda è il libro più sottolineato dell’ultimo anno.Anche il più tappezzato di mini post-it colorati.Un libro carico di significati e pronto a ‘rilasciare’ ad ogni lettura.In questo hotel si possono incontrare alcuni personaggi noti, ad esempio Edward Hopper, Jack Kerouac e George Orwell ma qui mi fermo perché non è mia intenzione rivelare prima, tutto quello che si può trovare in questo prezioso saggio mascherato da romanzo.

Nella convenzione romanzesca, la voce narrante non si rivolge mai a un lettore in carne e ossa, bensì a un orecchio ideale, astratto, a un’entità che somiglia più all’incorporeo giudice che ognuno porta dentro di sé.In una parola: la coscienza, la propria capacità di discernere il bene dal male, il buono dal cattivo, il giusto dallo sbagliato, il vero dal falso.Nella convenzione romanzesca, la voce narrante parla a se stessa.Nella convenzione romanzesca l’io è al contempo il sommo giudice e l’unico imputato di un processo chiamato narrazione.

Dicevo ‘rilascia’ perché ad ogni lettura si può trovare cose che prima non si erano trovate.Inoltre dà alcune risposte interessanti e pone qualche domanda che rimane anche dopo la fine del libro ma al tempo stesso lascia tracce e indizi da seguire, siano essi altri libri, quadri o fotografie.

Come ho detto, ognuno si sistema le cose a modo suo.Il che implica che ognuno ha il suo vizio capitale, una domanda filosofica che lo accompagna nei momenti decisivi, una domanda del tipo: «esiste un Dio?».Oppure: «Che ci aspetta dopo la morte?». Oppure: «Siamo soli nell’universo?». Ebbene la mia domanda, il mio vizio capitale che mi consegna al purgatorio, è sempre stata questa: «Cosa fa la realtà nel cuore della notte, mentre ce ne stiamo acquattati e acquietati nei nostri sogni?».

Insomma, un libro che, una volta terminato non va a finire sulla libreria insieme agli altri libri ma resta nei paraggi, a portata di mano, il pezzo di un puzzle più ampio, pronto per essere collegato a letture future.

Fa.Ro.

Un pensiero su “HOTEL A ZERO STELLE di Tommaso Pincio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...