Nel peggiore dei casi

Nel peggiore dei casi.

Nel peggiore dei casi, muoio, che sarà mai.

L’importante è essere felici.Come se fosse una passeggiata.

Più facile uscire incolume da un giretto a piedi in A4, bendato.

Finché cammino sotto i miei pensieri però, sono al riparo.

Finché non mi preoccupo della pettinatura, resto in equilibrio.

Finché mi ascolto, sono.

Finché ho sonno, lo ascolto.

Primo raid.

Respiro ancora.

Secondo raid.

Sono in piedi.

Terzo raid.

Corro decisamente più veloce di una cattiva idea.

Nel peggiore dei casi, suonerò.

Quarto raid.

Sono talmente lontano che dietro di me tutto è in bianco e nero, indefinito.

Nel peggiore dei casi, il bianco e nero ha i suoi colori.

Quindi, basta morire.

Comincio a vivere.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...