Cronache Anviliane (226) #04

La luce elettrica….

…..sale e mi invade le vene. Cauterizza le ferite e non mi lascia morire. Scariche e convulsioni. L’adrenalina è dolce come lo zucchero.Un processo di rinascita denso e attraente. Sostituisce quel senso di vuoto che mi prende dopo che ho volato, quando non ho più forza nemmeno per pensare.

Tom dice: Diamo una mano di fresco a questa vecchia città triste, preparati e sbaraglieremo tutti quanti. (1)

Un tizio incontrato sul treno per Bologna mi disse:

«Oh! Ma non ho mica capito eh…io non c’ho  mica tempo di stare ad aspettare che tutti quelli che sostengono il dittatore si rendano conto dell’errore che stanno commettendo…io lo butto giù personalmente…lo abbatto, mica c’ho problemi.» Ora ho in tasca il suo numero di telefono. Mi ha regalato anche una bottiglia di whisky irlandese e mi ha raccomandato di berlo per un’occasione speciale. Non l’ho ancora bevuto. Ma vorrei berlo per dimenticare che difficilmente ci sarà un’occasione speciale.

Spaesamenti. In mutande, sul divano, per una volta, ho dormito così. Dovevo farlo, avrei voluto farmi una fotografia. Se solo avessi facoltà di…La giornata gira come un ventilatore storto. A volte mi chiedo come farei se non ci fosse Tom Waits.

Stazione, stazione, che ci faccio qui?

Non vengo, non vado

la mia confusione è palese

e fuori soffia il vento di mezzanotte (2)

Fa.Ro.

(1). New Coat of  paint (Tom Waits from ‘The heart of saturday night‘ – 1974)

(2).Depot depot (Tom Waits from ‘The heart of saturday night – 1974)


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...